Lo spettacolo

Durante un’esplorazione spaziale, Martina Tremenda viene raggiunta da una misteriosa richiesta di soccorso. Con l’aiuto dell’Intelligenza Artificiale di Genio, il computer di bordo, parte allora per un viaggio avventuroso tra luce e raggi cosmici, onde gravitazionali, messaggi in codice e buchi neri. In compagnia (o quasi) di Lucilla, la bambina di luce, e il topo spaziale Amleto.
Uno spettacolo per avvicinarsi all’Astrofisica attraverso il teatro e il divertimento.

Spettacolo + incontro con l’artista e il tecnico per parlare del teatro e della messa in scena
Spettacolo con presentazione o incontro conclusivo di un astrofisico
Spettacolo e a seguire laboratorio Astrokids

Spettacolo liberamente ispirato a “Avventure e scoperte nello spazio” AstroKids
Ed. Scienza Express, AA.V.V., a cura di Laura Daricello e Stefano Sandrelli.

Note di regia

S’inizia con un palco buio, vuoto, assoluto. Poi una scintilla, una nota, come un vagito o uno scoppio, un inizio, un lampo di vita. E da lì, repentina, vitale e travolgente la vita, le note, le luci, Martina, Genio, la musica, gli incontri e le domande, tante domande.
Mi piace immaginare così questo viaggio nel teatro di Martina Tremenda. Perché se è vero che, immediatamente, affianchiamo Martina a Pippi Calzelunghe e Giovannino Perdigiorno, per me in lei c’è anche qualcosa di Ulisse, di Colombo e tutti coloro che da millenni viaggiano anche solo con l’astronave del loro pensiero. Per questo io penso che Martina assieme a Genio, in viaggio, lo sia sempre stata. E credo anche che il suo vagare nello spazio sia eterno e senza fine.
Ma cosa spinge Martina Tremenda nel suo peregrinare? La curiosità. È questa, a mio avviso, la chiave di volta: curiosità per gli incontri inaspettati, per i fenomeni inattesi, per l’ignoto carico di meraviglie inimmaginabili. Una curiosità pura e senza paura, una curiosità da fanciullo e da scienziato. Quella stessa curiosità che, da sempre, ci spinge a osservare oltre il recinto della nostra esistenza, oltre i confini del nostro orizzonte terreno o celeste, alla ricerca di qualcosa che ancora non conosciamo e che, proprio per questo, ci affascina tanto.

Obiettivi

  • favorire la conoscenza di contenuti e temi scientifici riguardanti i pianeti, le galassie, i buchi neri, e l’Universo;
  • avvicinare i bambini al lavoro dell’astronauta, alle competenze e agli strumenti per svolgerlo;
  • attraverso il teatro proporre un approccio spontaneo, intuitivo e divertente a ciò che intendiamo per scoperta, viaggio, ricerca;
  • stimolare la curiosità e l’approfondimento dei temi proposti.

Scheda tecnica

Durata

50 min

Target

8-12 anni

Spazio

8×8 – Oscurabile

Audio - luci

6 PC da 1000 Watt
Consolle luci con memoria
Audio commisurabile alla sala
Mixer audio 6 canali

Collaboratori

Stefano Sandrelli, INAF-Osservatorio Astronomico di Brera
Caterina Boccato, INAF-Osservatorio Astronomico di Padova
Sandro Bardelli, INAF-Osservatorio di Astrofisica e Scienza dello Spazio di Bologna
Sperello di Serego Alighieri
Laura Daricello, INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo
Sabrina Masiero Gal Hassin – Centro Internazionale per le Scienze Astronomiche, Isnello

Prodotto da Istituto Nazionale di Astrofisica

L’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) è l’ente pubblico italiano di ricerca nel campo dell’astronomia, dell’astrofisica e della cosmologia. Presente in 12 città, l’INAF è una comunità di circa 1400 persone. Le nostre 16 strutture di ricerca sono sempre aperte al pubblico e alle scuole, perché attraverso l’astrofisica affrontiamo le domande fondamentali dell’umanità: dall’origine dell’universo e della vita, alla natura dello spazio e del tempo, contribuendo anche allo sviluppo della tecnologia.

Organizziamo visite, eventi, laboratori didattici, spettacoli: crediamo che conoscere il cosmo aiuti a migliorare il mondo.

#astronomyforabetterworld

Per informazioni

Realtà Debora Mancini

Daniele Longo | + 39 349 80 95 029 | daniele@realtadeboramancini.com
Debora Mancini | +39 347 84 00 486 | debora@realtadeboramancini.com
info@realtadeboramancini.com
www.realtadeboramancini.com